user_mobilelogo

RSS Feed

Dal Blog

04 January 2016
Musica
Tecnologia
Sono ormai troppe le volte che durante i miei viaggi non mi porto dietro le cuffie Bose QuietComfort...
4142 Hits
12 October 2015
Fotografia
Nei miei viaggi o semplici uscite fotografiche una lente non manca mai, la stessa che rimane pratica...
9171 Hits
18 September 2015
Musica
Tecnologia
Da quando ho cambiato lavoro non sono più in ufficio da solo.Prima avevo un ufficio tutto mio dove p...
3759 Hits

Latest Events

Tue Aug 07 @20:30 -
Last Minute Live @ Cavalese

Tour de force

Il volo che ci riporta a Tehran è con la piccola compagnia Caspian Air. Salutiamo per l'ultima volta Amir ed imbarchiamo. L'ereo è un vecchissmo McDonnell Douglas MD-83. Tutto sommato il volo procede pure bene, tranne però in prossimità di Tehran dove di lì a poco si sarebbe scatenato un vero e proprio diluvio universale o almeno, guardando il cielo una volta atterrati, era quello che prometteva.

Le ultime miglia di volo le abbiamo passate ballando, le turbolenze erano notevoli.

Non atterriamo all'aeroporto internazionale Imam Khomeyni ma al Mehrabad che è stato aeroporto internazionale fino alla costruzione del più recente Imam Khomeyni.

Un altro pullman ci fa attraversare la città riportandoci all'aeroporto internazionale dove l'indomani mattina, alle 6:30, decolleremo per Istanbul.

Ci fermiamo per visitare il mausoleo dedicato al famoso Imam del periodo della guerra Iran-Iraq. Purtroppo, non abbiamo molto tempo e non riusciamo nemmeno ad entrarci. Lo vediamo solo da fuori.

Passiamo quindi la notte in aeroporto. La cena non è delle peggiori anche se il tentativo di pizza iraniana si è dimostrato di un pesante assurdo. Finalmente è ora del check-in. Salutiamo tutti i ragazzi del gruppo.

Se il viaggio si è rivelato davvero molto bello è stato ovviamente anche grazie a loro. Persone molto diverse tra loro che condividono una passione comune. Spero di rivederli presto, magari in qualche altro viaggio.

Filippo ed io siamo gli unici che partono dopo, però ci riuniamo al gruppo con cui eravamo partiti da Milano.

I voli sono relativamente brevi e anche la sosta ad Istanbul non è molto lunga, purtroppo però il nostro volo per Malpensa ritarderà di circa un'ora.

Atterrati a Milano sbrighiamo velocemente la pratica passaporto, recuperiamo i bagagli e riprendo la macchina che è parcheggiata poco distante. Fortunatamente ho dormito su entrambi i voli per cui non sono stanchissimo e il tragitto in macchina vola senza particolari crisi di sonno.

Lascio Filippo sotto casa e prima di mettere la macchina in garage ordino la pizza, ormai una tradizione nei miei rientri.

Sono abbastanza riposato, tanto che riesco tranquillamente a disfare i bagagli e a buttare le prime cose in lavatrice. Mentre sto scaricando le foto sul NAS, squilla il citofono, è arrivata la pizza finalmente.

Ora che mi sono rifocillato e tutto è in ordine mi fiondo in doccia. Vado a letto e non accendo nemmeno la tv, ora la stanchezza si fa sentire, punto la sveglia e cerco di addormentarmi riassaporando molte delle cose che ho vissuto in questi dieci giorni.

Che bello che è viaggiare.

Nel rispetto della direttiva 2009/136/CE ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web.
Se proseguo nella navigazione, cliccando su un qualunque elemento posto all’esterno di questo banner, acconsento all’installazione dei cookies.

 

This site uses cookies. By continuing to browse the site, you are agreeing to our use of cookies.