user_mobilelogo

RSS Feed

Dal Blog

09 February 2017
Tecnologia
Grazie all'opzione Next che ho stipulato con TIM poco più di un anno fa sono potuto passare, dopo un...
61 Hits
09 February 2016
Tecnologia
Torno sui miei passi. Non è trascorso nemmeno un anno da quando tentai il passaggio da iOS ad Androi...
888 Hits
25 January 2016
Fotografia
Viaggi
Tecnologia
Una delle cose che mi preme maggiormente quando sono in viaggio è sicuramente il backup delle foto e...
574 Hits

Latest Events

No events

Arrivo a Casablanca

Il primo giorno è quello ricco di adrenalina. La voglia di partire è tantissima e la strada che separa casa mia da Malpensa viene divorata in un baleno. Il tempo scorre veloce pensando alle persone che incontrerai; cerchi di farti un'idea di chi sono, come ti troverai con loro, se saranno simpatici o meno.

Arrivo a Malpensa e parcheggio come abitudine al Park To Fly.

La navetta mi porta al Terminal 1 dove ho appuntamento con gli altri ragazzi del gruppo che partono da Milano come me. Visto che è quasi mezzogiorno mangio qualcosa, mi prendo una pasta al pomodoro e un trancio di pizza; non mangerò cibi italiani per almeno due settimane quindi mi riempio per bene e mi bevo anche un caffè, cosa che faccio di rado.

All'ora stabilita mi trovo davanti allo sportello Gruppi e vedo il cartello di "Viaggi Avventure Nel Mondo". Consegno la ricevuta di pagamento e mi vengono consegnati i biglietti dell'aereo.

Sono il primo, ma poco dopo arrivano alla spicciolata gli altri del gruppo. Facciamo subito conoscenza e noto con piacere che siamo tutti più o meno coetanei.

Ci imbarchiamo, e dopo un volo tranquillo di circa quattro ore atterriamo a Casablanca. Attendiamo quindi la seconda parte del gruppo che è partita da Fiumicino. Dopo circa una mezzoretta li vediamo arrivare. Presentazioni di rito e passiamo i controlli del passaporto.

Due navette ci portano a quello che sarà il nostro primo alloggio. Un albergo situato a circa un paio di chilometri dalla Moschea di Hassan II. Mangiamo qualcosa e visto che ormai è tardi decidiamo di fare due passi verso la moschea. Il tempo è incerto e quindi ci muniamo di giacca a vento. Saggia decisione visto che da li a poco si sarebbe messo a diluviare. Casablanca è una città molto decadente e il progresso l'ha peggiorata. Di notte è anche abbastanza pericolosa, per fortuna eravamo un gruppo di venti persone e quindi nessuno si è avvicinato. Arriviamo alla moschea che sta venendo giù come Dio la manda. Diamo un'occhiata e decidiamo di tornare indietro.

Arriviamo in albergo, doccia e a dormire. La cosa bella del Marocco è che ovunque i letti sono molto duri, come piace a me. Mi addormento non appena poggio la testa sul cuscino.

La mattina dopo, abbondante colazione e ci prepariamo per il tour. Conosciamo i due autisti che ci accompagneranno per tutto il resto del viaggio: Fuet e il mitico Madj, un ragazzone di quasi due metri per cento e passa chili ma buono come il pane.

Prima meta: visita della Moschea di Hassan II. Penso una delle poche cose belle da vedere a Casablanca. La moschea è di recente fabbricazione ed è stata innaugurata solo nel 1993. E' la terza al mondo per dimensioni. Scendiamo anche nell'hammam che non è ancora aperto al pubblico. Davvero uno spettacolo, anche se a dire la verità è ben altro che voglio vedere del Marocco. Finita la visita saliamo sui pulmini e partiamo in direzione Rabat.

Nel rispetto della direttiva 2009/136/CE ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web.
Se proseguo nella navigazione, cliccando su un qualunque elemento posto all’esterno di questo banner, acconsento all’installazione dei cookies.

 

This site uses cookies. By continuing to browse the site, you are agreeing to our use of cookies.