user_mobilelogo

RSS Feed

Dal Blog

09 February 2017
Tecnologia
Grazie all'opzione Next che ho stipulato con TIM poco più di un anno fa sono potuto passare, dopo un...
521 Hits
09 February 2016
Tecnologia
Torno sui miei passi.Non è trascorso nemmeno un anno da quando tentai il passaggio da iOS ad Android...
1194 Hits
25 January 2016
Fotografia
Viaggi
Tecnologia
Una delle cose che mi preme maggiormente quando sono in viaggio è sicuramente il backup delle foto e...
754 Hits

Latest Events

No events

Capitale per 55 anni

Rispetto a Casablanca e Rabat che sono situate sull'Atlantico, Meknes è situata verso l'interno e fu capitale del Marocco solo per 55 anni sotto il regno di Moulay Ismail ibn Sharif (1672-1727). In seguito Fes divenne capitale fino al 1912.

Anche qui il nostro alloggio è all'interno di un Riad munito di tutti i comfort, Wi-fi compresa. Classico giro per la medina, cena e Tè alla menta. La medina di Meknes è molto diversa da quella di Rabat, più grande e antica.

Ci viene spiegato che le cinque cose fondamentali che l'abitante della medina vuole avere nelle vicinanze quando cerca casa sono: la moschea, l'hammam, il forno, la fontana e la scuola coranica. Visitiamo la scuola coranica e la guida ci spiega come sia vietata dal Corano la rappresentazione tramite figure. Infatti le decorazioni (splendide) della scuola sono fatte da motivi simbolici (ricorrente quello della stella centrale che rappresenta La Mecca) e versi del Corano stesso. Ci spiegano come si scrive Allah e come lo possiamo raffigurare con una mano. Dopo aver vistato la scuola coranica ci dirigiamo all'interno della vecchia città imperiale e il palazzo di Moulay Ismail. Qui visitiamo anche il granaio che porta al maneggio, una struttura grandissima. Il vecchio regnante era amante dei cavalli e possedeva più di dodicimila cavalli. La nostra guida ha un accento meraviglioso, sembra un toscano. Tanto che i "dodicimila cavalli" sono diventati il tormentone della giornata. "Ehi, sai cosa c'era qui?" "Scerto he lo so, sci stavano dodiscimilascinquescentoscinquantascinque havuai". Purtroppo la visita finisce con la marchettata del Tè alla menta dentro un negozio di tappeti, veniamo assaliti dai venditori che per fortuna non si sono dimostrati troppo insistenti, come invece capita in altri paesi arabi.

Lasciamo Rabat verso una meta che non era presente nel tour. C'era questa possibilità e il gruppo ha deciso democraticamente di andare a visitare Chefchaouen.

Nel rispetto della direttiva 2009/136/CE ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web.
Se proseguo nella navigazione, cliccando su un qualunque elemento posto all’esterno di questo banner, acconsento all’installazione dei cookies.

 

This site uses cookies. By continuing to browse the site, you are agreeing to our use of cookies.