user_mobilelogo

RSS Feed

Dal Blog

09 February 2017
Tecnologia
Grazie all'opzione Next che ho stipulato con TIM poco più di un anno fa sono potuto passare, dopo un...
842 Hits
09 February 2016
Tecnologia
Torno sui miei passi.Non è trascorso nemmeno un anno da quando tentai il passaggio da iOS ad Android...
1430 Hits
25 January 2016
Fotografia
Viaggi
Tecnologia
Una delle cose che mi preme maggiormente quando sono in viaggio è sicuramente il backup delle foto e...
851 Hits

Latest Events

Sat Sep 23 @16:00 -
Blues vom Fass live in Predazzo

Le oasi e le Kasbah

La mattina partiamo presto dopo la classica colazione a base di pane arabo, miele, marmellata e Tè alla menta.

La nostra meta è Merzouga nel deserto di Erg Chebbi. Inizia la visita alle Oasi più belle e alle Kasbah. Le Kasbah sono le antiche cittadelle arabe con fortezza. I muri sono fatti di fango e paglia ed è incredibile come siano resistiti fino ai nostri giorni.

La prima sosta la facciamo alla sorgente blu di Meski. Da Er Rachida si estende un'oasi che corre in direzione sud est per circa sessanta chilometri, a metà strada c'è la sorgente. Il contrasto con l'ambiente circostante è incredibile. Palme da dattero a perdita d'occhio, coltivazioni, acqua cristallina dove si tuffano i bambini, alberi di olive e fichi. Cento metri fuori dall'oasi: deserto rovente, pietre e nulla più. A fare da guardia alla sorgente si trova una vecchia Kasbah disabitata e in rovina ma la visione d'insieme è incredibile. Usciamo dall'oasi, risaliamo sui pulmini e attraversiamo la cittadina di Erfoud. Qualche chilometro più avanti ci fermiamo a Rissani dove visiteremo una delle Kasbah meno turistiche. Appena attraversiamo le mura veniamo proiettati nel passato. Non c'è elettricità se non nella moschea e l'acqua si preleva dal pozzo. Ad ogni angolo ci sono bambini che giocano a pallone o che scorazzano in bicicletta. Non si vedono nè uomini nè donne. Gli uomini sono quasi tutti nelle città; al lavoro o al bar mentre le donne lavorano quasi tutte nelle piantagioni all'interno delle oasi. Veniamo ospitati nella casa di un amico della nostra guida a prendere il Tè alla menta; mentre da altre parti abbiamo rifiutato, qui, non ce la siamo sentita.

Poco dopo lasciamo Rissani per Merzouga che sarà il campo base prima della notte nel deserto.

Finalmente si vedono le alte dune di Erg Chebbi, una delle mete principali per cui ho scelto questo viaggio in Marocco.

Arriviamo a Merzouga e visitiamo il villaggio dei Berberi che ci accolgono con molto calore. Sediamo nelle loro case e ci fanno ascoltare la loro musica sacra che serve a scacciare gli spiriti cattivi. Il ritmo tribale insieme alla nenia coinvolge tutti i presenti in un ballo divertentissimo.

Finalmente ci siamo, andiamo al nostro alloggio, prepariamo lo zaino con sacchi a pelo e lo stretto necessario per trascorrere la nottata nel deserto. Ci facciamo un tuffo rilassante in piscina e quando mancano due ore al tramonto andiamo ai nostri singolari mezzi di locomozione: i dromedari!

Nel rispetto della direttiva 2009/136/CE ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web.
Se proseguo nella navigazione, cliccando su un qualunque elemento posto all’esterno di questo banner, acconsento all’installazione dei cookies.

 

This site uses cookies. By continuing to browse the site, you are agreeing to our use of cookies.