user_mobilelogo

RSS Feed

Dal Blog

09 February 2017
Tecnologia
Grazie all'opzione Next che ho stipulato con TIM poco più di un anno fa sono potuto passare, dopo un...
1072 Hits
09 February 2016
Tecnologia
Torno sui miei passi.Non è trascorso nemmeno un anno da quando tentai il passaggio da iOS ad Android...
1580 Hits
25 January 2016
Fotografia
Viaggi
Tecnologia
Una delle cose che mi preme maggiormente quando sono in viaggio è sicuramente il backup delle foto e...
934 Hits

Latest Events

Sat Sep 23 @16:00 -
Blues vom Fass live in Predazzo

cancelled

Il giorno che sono partito per l'Iran da Malpensa, un aereo della stessa compagnia che mi avrebbe portato allo scalo di Istanbul, ha avuto un inconveniente, un motore ha preso fuoco. Il mio volo è partito ugualmente con un'ora di ritardo. Tutti gli altri voli della compagnia per Istanbul sono stati annullati. I miei compagni di viaggio che partivano da Roma sono stati imbarcati su un volto Emirates con scalo a Dubai, allungando di molte ore il viaggio.

A loro è andata bene, ad altri, invece è stato proprio cancellato il volo.

Purtroppo, le cancellazioni dei voli, sono disagi che accadono sempre più di frequente.

Ai sensi del regolamento (CE) 261/2004, i passeggeri hanno diritto ad un risarcimento compreso tra 125€ e 600€ per volo cancellato, ritardo o overbooking.

Il risarcimento è a persona, a prescindere dal prezzo pagato per il biglietto ed è valido fino a tre anni prima.

La quota di risarcimento viene calcolata in base alla lunghezza della tratta, durata del ritardo e altre circostanze che ne hanno causato cancellazione oppure overbooking.

Sovente capita che le compagnie aeree rifiutino la richiesta di risarcimento venendo meno quindi ai diritti del passeggero negandone l'indennizzo adducendo per lo più a motivazioni inconsistenti. Difendersi dalle giustificazioni da parte delle compagnie aeree non è cosa semplice, spesso motivano il rifiuto del risarcimento a causa di condizioni "straordinarie", per cui, spesso, si lascia perdere e non si vedono i soldi indietro. Ci sono però dei parametri misurabili in cui si può rientrare per avere l'indennizzo:

  • Il volo deve essere gestito da una compagnia aerea regolamentata dall'UE. Quindi sia nel caso in cui il passeggero parta da un qualsiasi aeroporto all'interno dell'UE oppure che voli verso l'Europa con una compagnia con sede legale in UE.
  • Sia la distanza del volo che l'entità del ritardo hanno effetti sull'importo del risarcimento con una cifra che oscilla tra i 125€ e i 600€. 
    • Ritardi di durata superiore alle 5 ore danno la possibilità di recedere dal volo e di essere riportati alla posizione originaria.
    • I voli inferiori ai 1.500 Km con un ritardo di due ore o più hanno diritto a 250€.
    • I voli tra i 1.500 e i 3.500 Km con un ritardo di almeno tre ore possono ricevere fino a 400€.
    • I voli di 3.500 Km o più e con un tempo di attesa di quattro ore possono essere indennizzati fino a 600€.

Ad ogni modo, sul sito Flightright, è possibile utilizzare uno strumento gratuito che calcola eventuali indennizzi.

Nel rispetto della direttiva 2009/136/CE ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web.
Se proseguo nella navigazione, cliccando su un qualunque elemento posto all’esterno di questo banner, acconsento all’installazione dei cookies.

 

This site uses cookies. By continuing to browse the site, you are agreeing to our use of cookies.